Sanremo, visagista svela: “Non riuscivo a truccare la Raffaele perché non compariva negli specchi”

OMERNAS – “Per ben cinque volte ha invocato il demonio in mondovisione!” Con queste parole Don Buonaiuto, parroco di Frittole, ha richiamato l’attenzione dei media attaccando il Festival di Sanremo, riuscendo persino a ottenere l’endorsement del social manager del ministro dell’Interno. Una tesi bislacca e senza fondamento, su cui il vice premier è ovviamente planato come un drone a un matrimonio di tamarri, ma che oggi riceve un’inaspettata e scioccante conferma proprio da uno delle visagiste che si è occupata del trucco di Virginia Raffaele: “So che può sembrare incredibile – racconta la make-up artist Antonella Mascarama la sua immagine non si riflette nello specchio, non riuscivamo a truccarla, tutto lo staff era terrorizzato. Inoltre, il parrucchiere non riusciva a pettinarla, tanto che la seconda serata ha fatto finta averla scambiata per Bisio”. In effetti, quella sera il comico aveva la pelata così lucida che 666 spettatori dell’Ariston hanno accusato una cornea danneggiata dal riflesso di un faro del teatro. “Per non parlare poi di tutti i trucchi in esubero che abbiamo dovuto usare su Baglioni, con i risultati che sono stati sotto gli occhi di tutti”.

Indemoniata la MIUR, l’associazione degli esorcisti italiani, che si è scagliata contro la showgirl: “Avete ridicolizzato le persone che soffrono a causa del demonio e, ancor più grave, inneggiate a Satana in prima serata su Rai Uno. La cosa ci fa girare talmente i coglioni che al confronto la testa di Regan posseduta da Pazuzu nell’Esorcista soffriva di cervicale!“.

Virginia, cui un impiegato delle anagrafe vuol cambiare nome in Demonia, dopo l’accusa di aver servito Satana, si è sottratta alla curiosità dei cronisti liquidandoli con un secco “Fuck me, Jesus!”, prima di barricarsi in casa. Incredulo anche il compagno della Raffaele, Burzum, che però ha concesso una battuta ai giornalisti: “Io, come molti spettatori, ho bestemmiato a ogni canzone e con maggiore enfasi durante i duetti; quindi, cos’è veramente satanico, lo sketch di Virginia o quella raffica di canzoni di merda? Ne state parlando come se al secondo posto fosse arrivata ‘Imagine’ e al tezo ‘Hotel California’, santo Caos!”

Vittorio Lattanzi

 

Fonte: Sanremo, visagista svela: “Non riuscivo a truccare la Raffaele perché non compariva negli specchi” sul magazine satirico Lercio.it