Roma. Giapponese prodigio riesce a spendere meno di 100 euro per un panino

Roma – Finalmente una buona notizia che vede protagonista un turista giapponese ospite del Belpaese: sembra che un giovane di Fukushima, dotato di straordinarie doti di affarista da quando è stato morso da un agente di borsa radioattivo, sia riuscito a spendere meno di 100 euro per un panino nella Città Eterna. Questa impresa è stata subito annoverata tra le più straordinarie compiute da un cittadino nipponico in Italia, al pari della celebre esclamazione registrata durante il miracolo di San Gennaro nel Duomo di Napoli: “Ma io sono giapponese!”.

I dettagli di questo evento eccezionale non hanno tardato a trapelare. Sembra che Kakami Ukonto, un giratore di sedili delle linee Shinkansen (i treni superveloci giapponesi hanno tutti i sedili in direzione di viaggio: al capolinea un addetto li gira prima che il treno riparta), si trovasse a Roma per un viaggio premio insieme ad altri colleghi. Il gruppo durante una gita avrebbe fatto sosta nei pressi de“Er mejo fico der bigonzo”, un furgoncino sulla Tuscolana specializzato in porchetta e gestito da Tito Coticoni, detto Er Cotica.

Quel giorno c’era stato il derby della Capitale e un raduno di Papa boys metallari (ragazzi da tutto il mondo che arrangiano canti sacri su base metal), quindi per la prima volta nella sua onorata carriera Er Cotica aveva finito la porchetta, proprio quando era il turno di Ukonto. Pescando tra gli avanzi, il Coticoni era riuscito comunque a rimediare un mezzo panino con la cicoria: “Nun c’ho avuto er core de chiedeje li stessi quattrini dell’artri” (la tariffa standard per i turisti giapponesi è 150 euro per un panino con la porchetta, 200 per panino + bibita), “me so accontentato de 99 euro, la mano ch’aregala è ar de sopra de quella che pija”. Quando Ukonto è arrivato a pagare e ha visto uno scontrino* a sole due cifre, ha capito che stava scrivendo la storia dei giapponesi in Italia e si  è lasciato andare a un’esplosione di gioia paragonabile a quella del bomber Kazu Miura quando segnò il suo primo (e unico) goal in Serie A.

L’impresa del giovane è stata completata dal ritorno in aeroporto: col suo gruppo ha preso un taxi dal centro riuscendo a spendere meno di 1,000 euro. Il rientro in patria di Ukonto è stato un trionfo: gli sono stati tributati i più grandi onori, è stato ricevuto persino dall’Imperatore Naruhito e a furor di popolo è stato nominato Ministro delle Finanze del Giappone nel governo di Shinzo Abe, con la speranza che possa fare meglio del suo predecessore, l’economista Manobu Kata.

Andrea Michielotto

* Si trattava in realtà di una busta unta di pizza bianca su cui era scritta la cifra con un pennarello

 

Fonte: Roma. Giapponese prodigio riesce a spendere meno di 100 euro per un panino sul magazine satirico Lercio.it