Roma. Autista spegne bus in fiamme lanciandolo in una buca piena di acqua piovana

Roma (ATAC) – Un lieto epilogo per una tragedia annunciata. Grazie alla prontezza di riflessi del giovane conducente Antonello Nerone, sono salvi tutti e quarantasette i passeggeri (quarantuno esseri umani, quattro pantegane, una nutria e un cucciolo di cinghiale) del bus 58 proveniente da Tor Bella Monaca e partito solo poche ore prima.

“Non voglio essere chiamato eroe – si è schermito l’autista asciugando le setole di Alfredo, il cucciolo di cinghiale – e gran parte del merito deve essere riconosciuto all’amministrazione comunale, instancabilmente impegnata nella ricerca di usi alternativi delle buche stradali.

Antonello è infatti riuscito domare l’incendio, che ormai era divampato da diversi minuti, solo lanciandosi a tutta velocità nella buca numero 14 in via Del Ventennio all’altezza del civico DV/X (cinquecentocinque/x), chiudendo così la gara con un doppio eagle. 

La buca avrebbe dovuto essere ripianata già da diversi mesi, a seguito delle  segnalazioni di alcuni cittadini preoccupati da una serie di misteriose e improvvise sparizioni di sacchi di immondizia lasciati lungo il bordo la strada. A nulla erano valse le rassicurazioni della sindaca (“I sacchi non sono spariti, ma semplicemente portati via dalla nettezza urbana”) e le proteste si erano intensificate nelle ultime settimane. Pochi giorni fa, però, del tutto inaspettatamente,  a difesa della buca 14 si era schierato il comitato civico ambientalista “Salvate l’ipomea”. Il fondale della buca è infatti ricoperto un tappeto di ipomea violacea, una pianta con fiori viola nota per i suoi effetti allucinogeni e chiamata anche Morning Glory, tanto che il cratere era stato affettuosamente ribattezzato Morning Glory Hole. Infine, ad opporsi ai lavori di ripianamento era intervenuta anche la Soprintendenza in quanto la chiusura della buca avrebbe “irrimediabilmente alterato l’aspetto urbanistico e paesaggistico della città privandola di uno dei suoi tratti caratteristici in palese distonia con la conformazione naturale della rete stradale cittadina”.

Grazie alle piogge degli ultimi giorni, a discapito dell’ormai imminente formazione di un governo onesto, la buca 14 si è quindi riempita di un liquame di colore violaceo che ha appunto rappresentato la salvezza dei passeggeri.

“Sapevo che gettarmi in quella buca sarebbe stata una mossa un po’ azzardata, ma non vedevo alternative – ha raccontato Antonello – e il mio pensiero è andato subito ai figli di quelle povere pantegane”.

Dopo il “tuffo”, alcuni dei passeggeri hanno rischiato l’annegamento ma sono stati riportati a riva grazie all’intervento dell’abile nuotatrice Tosca, nutria di sette anni nata in Colombia ma ormai a Roma da cinque. “Me sento romana ar cento per cento – ha dichiarato il roditore – ‘sta città ma accolto come ‘na fija”.

I tre passeggeri tratti in salvo dalla lontra oriunda sono ora ricoverati per accertamenti ma sono in buone condizioni e appaiono stranamente euforici: uno di loro (Gianni A.) in un impeto di esaltazione ha chiesto la mano di Tosca (“Mi ricorda una mia camerata del liceo”) che però ha cortesemente declinato, almeno fino a quando saranno passati gli effetti dell’ipomea.

La sindaca Raggi ha reso noto che domani mattina, l’autista e il roditore saranno insigniti della medaglia al valore civile.

Francesco Conte

 

 

 

Fonte: Roma. Autista spegne bus in fiamme lanciandolo in una buca piena di acqua piovana sul magazine satirico Lercio.it