Ex spia rivela: “Muro di Berlino sarebbe caduto prima se lo avessero costruito con cemento italiano”

BERLINO  (Ex Merkellandia) – Ha del clamoroso la rivelazione di Sepp Berti Franz Hans-Georg Paul Rainer Uli Wolfgang Jürgen Gerd Bernd Esposito, ex spia in pensione, per anni al servizio della DDR, che ha di recente pubblicato un memoriale dal titolo La spia che faceva impazzire l’anagrafe.

Secondo quanto riportato da Esposito, il crollo del muro di Berlino,  l’evento epocale avvenuto nel novembre 1989 che segnò la fine di un’era che aveva visto divisa in due la città di Berlino, simbolo della Guerra Fredda tra il blocco occidentale e quello filo sovietico, avrebbe potuto verificarsi con ben 28 anni di anticipo rispetto alla volontà di apertura dei leader orientali, grazie al semplice cedimento di una suoletta all’altezza del checkpoint lungo la KarlDenkeStrasse, che avrebbe provocato il susseguente crollo di alcuni metri della parete di mattoni soprastante e il viavai che abbiamo visto, invece, alla fine degli anni ’80.

Le inevitabili indagini condotte dall’ispettore Jakob Clushof, della sezione edile del settore operativo urbanistico dell’Hauptabteilung XXX – Controllo calce e mattoni, facente parte dell’Arbeitsgruppe HA XXII – Intercettazione e sorveglianza calcestruzzi” – racconta l’ex spia – “non avrebbero che potuto rilevare come tutti i materiali coinvolti nella involontaria creazione della breccia erano di indubbia provenienza italiana”.

È stata solo una coincidenza a cambiare il corso della storia allungando di quasi un trentennio la vita del muro: “Al posto del lotto del cementificio Fratelli Pilone, inviato a Berlino Est dal Partito Comunista Italiano di Palmiro Togliatti, come contributo alla costruzione di un ineguagliabile simbolo di libertà come è tipicamente un muro che chiude una mezza città, per un inspiegabile malinteso, nell’agosto 1961, giunse invece una partita di farina proveniente dall’Antico Molino Caputo di Napoli e destinata alle pizzerie di Berlino Ovest”.

A ciò si aggiunga che, secondo quanto riportato da Esposito, diversi dei mattoni utilizzati per costruire quella zona del muro sarebbero dovuti essere acquistati presso i semafori di diverse città del Sud Italia, contribuendo ulteriormente alla già precaria resistenza dell’opera. Quei mattoni però, sempre per un disguido, finirono nelle confezioni delle telescriventi modello Teletype 32/33

Il presidente della DDR, appresa la notizia, si disse comunque tranquillo del fatto che, una volta chiarito l’equivoco, la solidità dell’opera sarebbe stata immediatamente ripristinata: “Ma anche se fosse caduto” – avrebbe dichiarato Erich Honecker “ – sono certo che i cittadini della parte orientale di Berlino sarebbero tornati volontariamente alla loro patria, profondamente disgustati dal contatto con il vacuo consumismo che permea la parte opposta e che tale disguido sarebbe stato rapidamente dimenticato come se non fosse mai successo”.

Rimane, tuttavia, ancora un mistero che fine abbia fatto il vero sacco di cemento destinato ai lavori di completamento della barriera, anche se Esposito racconta che un suo cugino, testimone degli anni della costruzione del muro, giurò di aver visto l’allora presidente John Fitzgerald Kennedy, poco dopo il suo celebre discorso “Ich bin ein Berliner”, imprecare furiosamente per la rottura di due molari e un incisivo dopo aver addentato una Napoletana da “Gino”, una nota pizzeria del quartiere Schöneberg.

Fabio Corigliano & Augusto Rasori

Fonte: Ex spia rivela: “Muro di Berlino sarebbe caduto prima se lo avessero costruito con cemento italiano” sul magazine satirico Lercio.it