Decreto Sicurezza: autovelox potranno sparare a chi supera i limiti di velocità

Gambizza (TO) – Il cosiddetto “Decreto Sicurezza“, firmato e fortemente voluto dal ministro dell’Interno Matteo Salvini, è stato approvato in via definitiva da Senato e Camera ed è diventato legge da circa una settimana, o per dirla con Toninelli: una settimana, al massimo diciotto mesi.

Il testo, già di per sé parecchio controverso, contiene un provvedimento infilato nella sezione relativa alla sicurezza urbana che è passato praticamente inosservato ai più e che farà molto discutere: si tratta di un articolo che autorizza gli autovelox a aprire il fuoco ai conducenti di autoveicoli e motoveicoli che oltrepassano i limiti di velocità stabiliti dalla legge.
La normativa è stata messa a punto grazie alla collaborazione tra il sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo – che per immedesimarsi meglio nel suo ruolo si è presentato alle riunioni vestito da Terminator, da RoboCop e da paracadutista a cavallo – e il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, che ha partecipato alla stesura della norma nei ritagli di tempo in cui non stava facendo figure di merda.
Per la realizzazione di questi speciali modelli di autovelox, Tofalo e Toninelli si sono avvalsi del contributo di una equipe di ingegneri esperti di robotica, tutti rigorosamente laureati nelle migliori Università della Strada italiane. I nuovi dispositivi sono stati progettati per intervenire in varie modalità, a seconda della gravità dell’infrazione contestata. Gli ingegneri si sono ispirati al principio di funzionamento del coltellino svizzero (Durante i preparativi hanno osservato attentamente, giorno e notte, per cinque giorni, un cavatappi multiuso NdR).

Vediamo nel dettaglio cosa prevede la nuova normativa e come si applicano le sanzioni:
• Superamento del limite massimo inferiore ai 10 km/h. In questo primo caso non si tratta di una vera e propria sparatoria: l’autovelox si limita a mitragliare il conducente con un fucile automatico spara sale.
• Superamento del limite massimo tra i 10 km/h e i 40 km/h. L’apparecchio entra in modalità ‘Gommista di Arezzo‘, estraendo una Glock semiautomatica e sparando ai pneumatici, mandando così il veicolo a sbandare e a sbattere. Il conducente morirà poi dissanguato.
• Superamento del limite massimo tra i 41 km/h e i 60 km/h. L’autovelox passa in modalità ‘Francesco Sicignano‘, sparando alla schiena del guidatore con un fucile da caccia, per poi andare in televisione a dire cazzate e venire candidato da Forza Italia alle elezioni comunali.
• Superamento del limite massimo di oltre 60 km/h. Modalità ‘Luca Traini‘: il misuratore di velocità fa fuoco ripetutamente in direzione del contravventore, sempre con una Glock. Se nelle vicinanze ci sono passanti di origine africana o sedi del PD, spara anche a loro.

Novità anche per la legge che riguarda l’omicidio stradale. I modelli provvisti di telecamera, individuato il pirata della strada, entrano in modalità ‘Trattativa Stato-Mafia‘ con 2 varianti, la primaVia D’Amelio‘: calcolano la velocità del mezzo e, al momento del suo passaggio, fanno detonare un’autobomba parcheggiata 50 metri dopo l’autovelox. Nel caso il pirata sia un extracomunitario, entra in funzione la variante ‘Capaci‘. In questo caso a detonare sono 200 kg di tritolo e T4 caricati con 400 kg di miscela esplosiva posizionati sotto il manto stradale.
La nuove disposizioni, inoltre, cancellano l’obbligo di predisporre cartelli e segnaletica di preavviso prima di ogni postazione. “Sfruttare il fattore sorpresa aumenta il brivido. Ho fatto diverse prove a casa con i soldatini“, ha affermato il sottosegretario Tofalo.

Andrea Canavesi

Fonte: Decreto Sicurezza: autovelox potranno sparare a chi supera i limiti di velocità sul magazine satirico Lercio.it