Drago ripreso in una foto a Milano. Gli esperti si interrogano.

Drago ripreso in una foto a Milano. Gli esperti si interrogano.

dragaomeravigliao

Sono giorni strani a Milano, stando alle continue foto di alcuni studenti, da qualche giorno al Politecnico si aggira, in alcune ore del giorno un animale alato non chiaramente identificato, quello che di solito chiameremmo un drago, o qualcosa di simile. Le foto hanno fatto rapidamente il giro del web, e noi siamo i primi a pubblicarle in anteprima, creando, come dire, un caso di valore inestimabile.

Secondo il ricercatore Antony Sciamani si tratterebbe di un’aquila fuori dal suo habitat naturale, ma le forme e le proporzioni, sono poco indicate per un animale del genere. Ecco, che, quindi, possiamo parlare di un drago, di una specie che molti hanno creduta estinta per troppo tempo e che di tanto in tanto torna a far parlare di sé con assoluta dovizia di particolari. Ed è quello che ci racconta Alvaro Porfido, studente di ingegneria gestionale e autore del controverso scatto: “Ogni giorno, alle sei di sera, fa l’apparizione questo animale, una visione fugace che in molti non hanno affatto recepito, che però, rimane, come dire, lì, per pochi secondi, e poi scomparire alla velocità della luce senza che nessuno abbia mai visto niente. Con la mia fotocamera sono riuscito a fare questo scatto importante, capace di evidenziare la presenza dell’animale. Lungi da me passare per pazzo. Ecco, e ringrazio voi del Daino per averla alla fine pubblicata”.

Siamo ben lieti di portare alla luce una scoperta simile, già esaminata dal professor Michele Credesi che dice: “Siamo di fronte a una scoperta del valore eccezionale. Va messo su un team di ricerca per scoprire le abitudini di questo animale dalle grosse abilità”. Nei prossimi giorni, in seguito a qualche altro avvistamento, potremmo saperne di più.

L’articolo Drago ripreso in una foto a Milano. Gli esperti si interrogano. sembra essere il primo su Il Fatto Quotidaino.

Fonte: Drago ripreso in una foto a Milano. Gli esperti si interrogano. sul Fatto Quotidaino