Moncler sull’orlo del fallimento per la storia delle Oche

Dopo l’inchiesta del programma tv Report andato in onda Domenica 2 Novembre sul maltrattamento delle oche utilizzate per la produzione di piume per l’imbottitura dei piumini del noto marchio di abbigliamento Moncler, l’azienda guidata da Remo Ruffini ha subito un calo in borsa talmente netto da rischiare il collasso e fallimento nel giro di poco tempo.

Moncler sull’orlo del fallimento per la storia delle Oche

Sul sito web del marchio è quindi comparso il seguente comunicato di smentita: Moncler utilizza solo piume di alta qualità, acquistate da fornitori obbligati contrattualmente a garantire il rispetto dei principi a tutela degli animali. L’associazione del nome Moncler a pratiche illegali e vietate dal nostro codice etico, è impropria”. 

Effettivamente, non sarebbe la prima volta che il programma condotto da Milena Gabanelli monterebbe dei servizi artefatti ad hoc per screditare nomi di spicco della politica, aziende rinomate e prestigiose, noti personaggi del business internazionale; delle vere e proprie bufale architettate per attaccare qualcuno e distruggerlo, che questa volta potrebbero costare care ad un’azienda che dà lavoro a tante persone, rinomata in tutto il mondo e che probabilmente ha l’unica pecca di far pagare quasi 1000 euro per un giubbotto che in costi di produzione non supera i 50, ma ovviamente chi può permetterselo non dovrebbe storcere il naso se fosse anche vero che qualche oca di allevamento viene maltrattata.

Il calo in borsa è stato addirittura del 4% circa, cifra pericolosa e considerevole per il futuro di un’azienda.

Marco Pappuddi – Capo Redattore 

Fonte: Moncler sull’orlo del fallimento per la storia delle Oche sul Corriere del Mattino

Cosa ne pensi?

Close
Vieni a pescare con noi
Segui il Boccalone su