Allarme fertilità per i vegetariani e vegani

Uno studio americano ha stabilito in maniera inequivocabile che un’alimentazione costituita esclusivamente a base di verdure e senza l’apporto di proteine animali riduce in mondo considerevole il numero degli spermatozoi, creando notevoli problemi e difficoltà nel concepimento. La ricerca è durata 4 anni ed è stata condotta dalla Loma Linda University Medical School (California), presentata al congresso annuale dell’American Society of Reproductive Medicine alle isole Hawaii.

ferti

Sono stati messi a confronto 443 “carnivori” con 26 vegetariani e 5 vegani.

L’autrice della ricerca, la dottoressa Eliza Orzylowska afferma che la dieta influisce in modo significativo sulla qualità dello sperma – Una dieta vegetariana o ancora di più vegana porta ad avere nel soggetto un numero di spermatozoi molto più basso rispetto a chi si ciba anche di carne e derivati (dieta onnivora). Il rischio infertilità è considerevole, ma è certo che tali soggetti abbiano sicuramente difficoltà a concepire.

La ricerca ha stabilito che nei maschi vegani o vegetariani la quantità di spermatozoi (50 mln per ml) è inferiore ai parametri medi (70 mln/ml) e anche la mobilità è più bassa: “In questi soggetti solo il 33% degli spermatozoi è attivo, rispetto a quasi il 60% di chi consuma carne e derivati.

Una delle cause è la carenza vitaminica in un soggetto che non consuma carne in quanto crede che la soia o altre sostanze vegetali la possano sostituire totalmente, la B12 è ad esempio presente soltanto nella carne e i suoi derivati, una vitamina fondamentale per la sopravvivenza dell’essere umano, che vegetariani e soprattutto vegani sono costretti ad assumere comunque sotto forma di prodotti farmaceutici, senza sapere che anch’essi sono al 100% di derivazione animale. E’ risaputo che un eccesso di consumo di carne può portare a diversi problemi di salute più o meno seri, ma la totale eliminazione è ancora più sbagliata e dannosa per l’essere umano, sicuramente onnivoro.

fonte: libero quotidiano

Fonte: Allarme fertilità per i vegetariani e vegani sul Corriere del Mattino